Document freedom day: se ne parla all’Università di Perugia

document freedom dayAssociazione LibreItalia, Comune di Mozzecane (Vr) e Università di Perugia organizzano, in occasione del Document Freedom Day del 25 marzo 2015, il convegno Addio documenti cartacei: dematerializzare con il software libero e i formati aperti, con interventi di Tomas Piccinini, Sindaco di Mozzecane, Italo Vignoli, cofondatore dei progetti LibreOffice e LibreItalia, e Simone Aliprandi, fondatore di CopyLeft Italia, da Villa Ciresola a Mozzecane; e di Giuseppe Liotta, Gianluca Vinti e Osvaldo Gervasi dell’Università di Perugia, Alfiero Ortali e Sonia Montegiove della Provincia di Perugia, dall’Università di Perugia. Le due sedi saranno collegate in videoconferenza.

Il convegno nasce dall’iniziativa di Antonio Faccioli, socio LibreItalia e consigliere del Comune di Mozzecane, che ha avuto l’idea di sfruttare la data del Document Freedom Day per sensibilizzare le pubbliche amministrazioni e le aziende su un argomento di cui molti parlano ma su cui c’è ancora grande confusione, come la dematerializzazione, che può portare a una riduzione significativa dei costi operativi, soprattutto se effettuato insieme all’adozione di software libero e di formati standard e aperti.

La platea di Perugia vedrà una partecipazione importante delle scuole, con la presenza di studenti del Liceo Marconi di Foligno e dell’Istituto Cassata Gattapone di Gubbio. Il progetto di migrazione a LibreOffice degli enti pubblici dell’Umbria sta coinvolgendo le scuole, per una diffusione della cultura digitale, del Software Libero e dei formati aperti come parte dell’educazione civica dei cittadini.

Il convegno inizierà alle 9.30 con i saluti delle autorità, e si concluderà alle 12.30 per consentire la partecipazione degli studenti. I relatori rimarranno a disposizione fino alle 13.30 per rispondere a eventuali domande di approfondimento.

A Perugia l’evento si svolgerà al Dipartimento di Matematica e Informatica, ed è necessario prenotarsi Eventbrite.

it.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento