Pubblicate le linee guida per gli Open data

open data umbria linee guidadi Maria Pia Bani (Servizio Reingegnerizzazione e digitalizzazione dei processi dell’Amministrazione regionale e delle Autonomie locali – Regione Umbria)

Per la Pubblica amministrazione gli open data rappresentano una strada necessaria nel processo di open government, per aprire, con il supporto delle tecnologie della comunicazione e informazione, a nuove opportunità dal punto di vista dello svecchiamento dei processi decisionali, degli schemi burocratici nonché della condivisione delle risorse informative.

Le Amministrazioni potranno così essere aperte e trasparenti nei confronti dei cittadini. Questo comporta un nuovo approccio alla gestione dei dati e delle informazioni in ambito pubblico; infatti le risorse dovranno essere rese accessibili gratuitamente e in formato aperto al fine del loro riuso per lo sviluppo di servizi e applicazioni utili all’intera comunità, con il preciso intento di incidere anche positivamente sul tessuto socio-economico del territorio.
La PA deve dotarsi, pertanto, di schemi operativi organizzativi e culturali adeguati per il raggiungimento dell’ambizioso obiettivo.

In tale ottica, la Regione Umbria ha attivato il proprio portale open data e ha adottato le linee guida regionali per la definizione dei processi di pubblicazione dei dataset: sono così delineati assetti organizzativi, modalità operative, attività e tempi del processo di pubblicazione delle informazioni.

I due modelli operativi approvati con DGR n.371 del 27/03/2015, e visibili all’interno del catalogo open data rappresentano il vademecum per tutti gli enti/soggetti pubblici che vorranno pubblicare i propri dati utilizzando in modalità gratuita la piattaforma.

Nel modello sono descritti i processi operativi per gestire tutte le fasi del ciclo di vita di un dataset dal momento della sua individuazione fino alla pubblicazione nel catalogo e vengono individuati i soggetti che intervengono, ciascuno nel proprio ambito di competenza, per la risoluzione di eventuali problematiche ( come privacy, segreto statistico, diritto d’autore, comunicazione) connesse alla gestione del contenuto informativo presente nel dataset.
Le linee guida delineano anche l’approccio da attuare per il monitoraggio delle performance e del gradimento del dataset attraverso indicatori quali il n. di visite, il conteggio dei download e la sua distribuzione nel tempo.

Un’attenzione particolare viene dedicata anche alla fase di mantenimento dei dataset che consiste nella verifica continua sull’efficacia delle informazioni pubblicate attraverso operazioni di raccolta feedback, aggiornamento, e eventuale rimozione degli stessi dataset nel caso la loro pubblicazione non fosse più necessaria.

In particolare le “Linee Guida per gli Enti locali descrivono in dettaglio le modalità di adesione dei soggetti pubblici esterni al repertorio regionale, giungendo anche a delineare un modello standard da personalizzare a seconda del tipo di collaborazione che si intende attivare.

PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento