Ora del codice: i risultati della seconda fase

ora del codice umbria
La II A di Passignano durante con l’Ora del codice

Dopo la riapertura dei termini per l’accesso ai finanziamenti per l”iniziativa “L’ora del codice nelle scuole umbre”, che prevede un’ora dedicata al pensiero computazionale, sono arrivati i risultati relativi alla partecipazione e agli studenti coinvolti.

Confermata la larga partecipazione che già si era avuta durante la prima fase, quando il rapporto del Miur relativo al progetto “Programma il futuro” registrava l’Umbria come prima regione nel tasso di partecipazione (rapporto tra studenti partecipanti e numero di abitanti), dal settembre 2014 al 12 gennaio 2015.

Il dato di questa seconda parte vede la partecipazione di 27 scuole su tutto il territorio regionale, per un totale di 4278 studenti coinvolti nell’iniziativa. Sul podio delle scuole più attive è al primo posto il 2° Circolo Didattico Comparozzi di Perugia, con 574 studenti. Secondo posto per la Direzione didattica “G. Mazzini” di Terni, con 446 studenti; terzo la Direzione didattica di Bastia (445 studenti partecipanti). Si conferma quindi il trend che aveva visto, comprensibilmente, capofila dell’iniziativa le province di Perugia e Terni, mentre tra prima e seconda fase sono stati complessivamente coinvolti oltre 9mila studenti. Le scuole hanno poi prodotto documentazione online dell’attività svolta – come foto o video – sui propri siti o canali social. L’elenco delle scuole, coi rimandi a comunicazioni e materiale prodotto è disponibile nella sezione relativa all’Ora del codice sul sito della Regione.

L’iniziativa “L’ora del codice nelle scuole umbre” rientra nelle politiche per l’openness e le competenze digitali previste dall’Agenda digitale dell’Umbria. Il pensiero computazionale, infatti, è un pre-requisito fondamentale per la logica e il problem solving, e aiuta ad avvicinare ai concetti base dell’informatica. Strumenti cognitivi quanto mai essenziali per la formazione nell’Era digitale.

PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento