Piano di Semplificazione 2.0 della Regione Umbria

3 Maggio 2016, Sala del Consiglio – Approvazione del Piano Triennale di Semplificazione

Il Piano di semplificazione 2016-2018  è stato approvato ieri con una larga maggioranza.

Come definito dall’assessore alle riforme, Antonio Bartolini, si tratta di un Piano di Semplificazione 2.0 in quanto è stato il risultato di una  “coo-progettazione” con gli stakholder del territorio umbro e con il contributo offerto dai cittadini nella consultazione pubblica denominata #umbriasemplice.
piano di semplificazione

Dalla fase consultiva è emersa un’esigenza impellente di riduzione dei costi e dei tempi per il cittadino nel rapporto con la pubblica amministrazione in qualsiasi adempimento amministrativo. Il Piano di Semplificazione per il periodo 2016 – 2018 pone proprio come obiettivo primario e imprescindibile la trasformazione di una Pubblica Amministrazione che si faccia servizio semplice, rapido e quanto meno oneroso per il cittadino.

Molteplici le leve che saranno messe in campo per il raggiungimento di tale obiettivo, prima fra tutte quella dell’innovazione che verte su procedure on line diffuse e la realizzazione della banda larga. Per alleggerire i cittadini, il Piano della Semplificazione prevede procedure snellite pure nel loro contenuto, in modo tale da rendere più immediato l’accesso ai servizi, prestazioni e contributi sia da parte dei cittadini, sia per le imprese. In ogni attività amministrativa è prevista la partecipazione e trasparenza di tutti i portatori d’interesse.

Durante il 2016 saranno semplificate tutte le procedure di accesso/gestione/rendicontazione dei fondi e contributi europei relativi alla attuale programmazione comunitaria 2014-2020 e i procedimenti ambientali ( la cosiddetta AUA, Autorizzazione Unica Ambientale); sarà realizzata la liberalizzazione  dei procedimenti per l’iscrizione ad albi, registri ed elenchi; all’interno del sito istituzionale della Regione Umbria sarà implementato il come fare per” , in modo tale che il cittadino potrà più facilmente  accedere a modulistica, documenti, normativa, e link utili regionali; verrà attivato il Catasto unico regionale per gli impianti termici; saranno rilasciati i servizi on-line per le Politiche attive del lavoro; potranno essere effettuate le prenotazioni on line per tutti gli esami specialistici del SSR (con esclusione di quelli di laboratorio); sarà avviato il sistema regionale SPID (sistema pubblico d’identità digitale) e PagoPA (piattaforma che consente ai cittadini di pagare con gli strumenti elettronici); riprogettazione del sistema informativo regionale che consenta l’alimentazione del fascicolo del cittadino e fascicolo di impresa; definizione delle check list per la valutazione preventiva degli atti amministrativi che regolano procedure e discipline per l’eliminazione di oneri.

Per ciò che concerne la Pubblica Amministrazione verrà rivisitato anche il sistema di premialità sia per i dipendenti, sia per i dirigenti, mettendo in primo piano il principio della meritocrazia, proprio delle aziende private.

PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento